Trekking al Parco del Molgora: da Carnate a Ronco Briantino


Questa passeggiata si snoda in uno scenario naturale in cui boschi e campi coltivati si alternano lasciando intravvedere improvvise opere dell’uomo, fornaci e vecchie cascine. Il panorama, nelle giornate limpide, è dominato dalle Prealpi con l’imponente Resegone.
Distanza: 6.2 Km
Tempo di percorrenza: a piedi 2 h; in mountain bike 55 min.


Il parcheggio e l’inizio della passeggiata, a piedi o in mountain bike, è a Villa Banfi, storico palazzo di Carnate sito in Piazzale Banfi.
Bisogna percorrere la pista ciclabile che costeggia il parco della Villa Banfi fino a raggiungere il ponte che attraversa la ferrovia. Ci si imbatte in un pannello descrittivo, segno che si è presa la giusta direzione.
Si imbocca l’inizio del sentiero che percorre il boschetto a destra del ponte. Dopo un breve tratto, il sentiero conduce lungo il torrente.
Alla fine del bosco bisogna svoltare a sinistra, lasciando il sentiero che continua sulla destra. All’interno del boschetto, il sentiero è facile da percorrere e non vi sono rischi di sbagliare. Gli amanti della natura noteranno in questo bosco specie arboree e un sottobosco di rara bellezza. Effettivamente qui il Parco del Molgora da il meglio di sé.
Proseguendo si esce dal bosco, che forma un imponente muro naturale, e di attraversa un’ampia  zona coltivata dove non si può fare a meno di notare la Fornace Cuisona.
Prima di tornare a Carnate chi vuole può visitare la cappella a pianta ottagonale della Madonna del Carmelo. Dalla cappella ci sono due alternative di tornare al punto di partenza: la prima attraversando un filare di pioppi, la seconda imboccando uno dei due sentieri sulla destra.





mappa